Salta al contenuto principale

La produzione

Solo la terra migliore, per un vino DOC.

Settembre,
un momento prezioso

Le prime settimane di settembre sono il periodo migliore per mantenere le proprietà organolettiche (zuccheri, acidità e sostanze aromatiche) delle uve che hanno raggiunto la maturità e sono perfette per produrre il Prosecco DOC.

Come nascono le bollicine?

Il processo è delicato per mantenere intere le uve ed evitare la fermentazione spontanea.

  • Produzione

    Selezionate le uve migliori inizia la produzione del vino bianco, ed è così che lo zucchero viene trasformato in alcol e anidride carbonica.

  • Fermentazione

    L’attività dei lieviti, detta anche fermentazione, dura circa 15/20 giorni a una temperatura massima di 18°C per preservare l’aroma e i profumi più delicati.

  • Bottiglia di Prosecco

    La prima qualità a essere imbottigliata è il Prosecco Tranquillo, mentre le varietà Frizzante e Spumante seguono la seconda naturale fermentazione.

  • Bollicine

    La seconda fermentazione, utilizza il metodo italiano chiamato anche Martinotti, avviene in grandi recipienti a tenuta di pressione, le autoclavi. È così che il vino acquista le famose bollicine.

  • Tempo

    Verso la fine della spumantizzazione, che dura minimo 30 giorni, si abbassa la temperatura per fermare la fermentazione, lasciando un residuo zuccherino, capace di garantire l’equilibrio e l’armonia.

Di particolare interesse sono le differenti risposte date nelle descrizioni olfattive dei vini frizzanti e quelli spumante. Nei primi si sentono più preponderanti il glicine e il limone, mentre nei secondi mela, rosa e banana.

Potrebbero piacerti anche

Approfondisci

Tipologie

Un DOC, tre tipologie diverse

Approfondisci

Riconosci il vero Prosecco

Come distinguere un Prosecco DOC

Approfondisci

La Storia

Scopri la storia di Prosecco DOC