Skip to main content

News

All the latest news on the Prosecco DOC Consortium

13 July 2021

Stefano Zanette, quarto mandato per acclamazione

Rinnovo della carica per il PRESIDENTE Stefano ZANETTE e, all’insegna della continuità, riconferma di tutti i membri del Comitato di Presidenza.

I due vice presidenti: Giorgio Serena e Giangiacomo Gallarati Scotti e i consiglieri Alessandro Botter, Valerio Cescon, Mattia Mattiuzzo, Giancarlo Moretti Polegato.

Governo dell’offerta, piani di miglioramento della qualità, certificazione di ‘Denominazione sostenibile’. Queste le parole d’ordine del nuovo programma illustrato oggi dal presidente Stefano Zanette, fresco di riconferma, al neo eletto Consiglio di Amministrazione del Consorzio di tutela del Prosecco DOC.

In estrema sintesi “il mio obiettivo è quello di sviluppare valori e volumi sostenibili al territorio per dare durabilità alla nostra Denominazione” ma altro punto importante del nuovo programma di governance della DOC “sarà quello di sviluppare azioni di info/formazione rivolte sia alla filiera che al mondo della somministrazione e del commercio, fino al consumatore finale, per valorizzare il nostro prodotto incrementando sempre di più il senso di appartenenza alla denominazione”.

Con il ‘governo dell’offerta’, Zanette intende la programmazione delle azioni di valutazione e di intervento sulla produzione in termini di volumi e valori, compresi anche quelli immateriali propri di una denominazione di origine come il legame con il territorio, il rispetto reciproco, la cultura e le tradizioni.

Altro tema notoriamente caro a Zanette, la sostenibilità di territorio, che comprende i pilastri ambientale, sociale ed economico, non solo rivolta al sistema viticolo ma anche a quello della trasformazione e della commercializzazione. A ciò si aggiungerà il coinvolgimento di tutti i soggetti esterni che trasversalmente contribuiscono alla produzione del Prosecco DOC, per elaborare strategie e soluzioni comuni finalizzate al miglioramento dell’efficienza dell’apparato produttivo dell’intera area.  

Basti pensare agli impianti di spumantizzazione o all’ingegneria e all’architettura delle cantine, per tendere sempre più a una sostenibilità paesaggistica e alla necessità di ridurre i consumi, ma anche alla logistica, al mondo degli imballaggi e a tutte quelle opportunità che il nostro sistema può cogliere al fine di aumentare il valore della denominazione nel percepito del consumatore e la propria competitività sul mercato.

La sostenibilità che intendo perseguire caratterizzerà il corso del mio nuovo mandato - conclude il Presidente Zanette – e l‘obiettivo ora condiviso da tutti e più chiaro che mai, è il riconoscimento della Denominazione Sostenibile. In tutti i sensi”.

You might also like

Discover

#ItalianGenio

Discover

Cinema in the Cellar

Discover

Sustainability as a mission for the future